arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklinkedinlocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

SeacInfo

SeacInfo

5/8/2020 - Trattamento fiscale della cessione di fabbricato non ultimato: Interpello

SeacInfo Fiscale
Trattamento fiscale della cessione di fabbricato non ultimato: Interpello
Con Risposta ad Interpello 4 agosto 2020, n. 241, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al trattamento IVA, IRES e delle imposte di registro, ipotecaria e catastale da applicare alla cessione di un'area con sovrastante albergo non ultimato, la cui pratica edilizia è scaduta per decorso dei termini. In particolare, l'istante acquirente intende effettuare un intervento di ristrutturazione dell'immobile:un terzo sarà demolito e adibito ad area verde;un terzo trasformato in RSA o studentato;un terzo destinato a realizzare un complesso residenziale abitativo. L'Agenzia chiarisce che la cessione del fabbricato non ultimato, in quanto non 'idoneo ad espletare la sua funzione', non rientra nei casi di cessioni immobiliari esenti IVA di cui all'art. 10, comma 1, n. 8-ter, D.P.R. n. 633/1972, come precisato con Circolare 1° marzo 2007, n. 12/E. Quindi, la compravendita in questione è imponibile IVA.Per quanto riguarda, invece, le imposte di registro, ipotecaria e catastale, esse si applicano nella misura fissa di euro 200 ciascuna in virtù dell'alternatività IVA/Registro (art. 40, comma 1, D.P.R. n. 131/1986).Infine, l'Agenzia sottolinea che la richiesta dell'interpellante di poter fruire del 'sismabonus' è inammissibile, in quanto prematura, cioè basata sull'ipotesi della sussistenza di titoli abitativi che non sono ancora stati rilasciati.

5/8/2020 - No al demansionamento se manca espressa volontà del lavoratore

SeacInfo Amministrazione del personale
No al demansionamento se manca espressa volontà del lavoratore
La Corte di Cassazione, con l'Ordinanza n. 16594 del 3 agosto 2020, ha statuito che il datore di lavoro non può demansionare il lavoratore che non abbia espresso la chiara volontà di accettare tale provvedimento.Infatti, gli ermellini affermano che perché ci sia tacita acquiescenza è necessario un comportamento del lavoratore inequivocabilmente incompatibile con la volontà di impugnare il suddetto provvedimento.

5/8/2020 - CCNL Case di Cura personale non medico: ancora in attesa del contratto definitivo

SeacInfo Amministrazione del personale
CCNL Case di Cura personale non medico: ancora in attesa del contratto definitivo
Con riferimento al CCNL Case di Cura private personale non medico, la preintesa del quale è stata sottoscritta lo scorso 10 giugno 2020, i segretari generali della CIGL, CISL e UIL hanno proclamato uno sciopero nazionale per mancata ratifica, dal momento che, nonostante la scadenza fissata al 30 luglio 2020 per la firma definitiva, le Parti non hanno ancora il CCNL definitivo.

5/8/2020 - Contratti a termine esclusi dall'obbligo del contributo addizionale NASpI

SeacInfo Amministrazione del personale
Contratti a termine esclusi dall'obbligo del contributo addizionale NASpI
L'INPS, con la Circolare n. 91 del 4 agosto 2020, interviene a seguito delle modifiche alla Legge n. 92/2012, introdotte dalla Legge n. 160/2019, ad illustrare quali fattispecie contrattuali di lavoro a termine sono escluse dall'obbligo di versamento del contributo addizionale di finanziamento NASpI.In particolare, l'Istituto tratta i seguenti punti:le fattispecie escluse dal contributo suddetto;le fattispecie soggette al contributo addizionale ma escluse dall'applicazione dell'incremento;istruzioni operative e istruzioni contabili.

5/8/2020 - La differenza retributiva a carico del datore deve sempre includere gli oneri fiscali e previdenziali

SeacInfo Amministrazione del personale
La differenza retributiva a carico del datore deve sempre includere gli oneri fiscali e previdenziali
Il datore di lavoro che viene condannato a compensare le differenze retributive al lavoratore è tenuto ad includere nella somma da corrispondergli anche gli importi derivanti da oneri contributivi.È quanto statuito dalla Corte di Cassazione, con l'Ordinanza n. 16668 del 4 agosto 2020, nella quale ha affermato che a nulla rileva l'assenza di un'apposita richiesta della suddetta inclusione da parte del lavoratore, in quanto la retribuzione deve sempre essere liquidata al lordo delle ritenute fiscali e previdenziali.

5/8/2020 - Bonus di maggio per i professionisti iscritti a casse private nel Decreto agosto

SeacInfo Fiscale
Bonus di maggio per i professionisti iscritti a casse private nel Decreto agosto
Il Ministero del Lavoro, in risposta a un quesito alla stampa specializzata, ha annunciato che non verrà predisposto il Decreto con i parametri per il riconoscimento dell'indennità di maggio per i liberi professionisti, iscritti a una cassa privata, in quanto le modalità operative saranno inserite direttamente nel D.L. di agosto. Il riconoscimento dell'indennità di euro 600 è, infatti, subordinata all'emanazione di un apposito Decreto ad oggi non ancora emanato.

Top