arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklinkedinlocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

Comunicazione

Comunicazione

Comunicati e Rassegna Stampa

Gli agenti e i rappresentanti di commercio di Confcommercio chiedono al governo di anticipare il 30% del Fondo d’indennità di fine rapporto, come sostegno concreto alla categoria per far fronte al durissimo impatto della pandemia da Covid.

Gli agenti e i rappresentanti di commercio di Confcommercio chiedono al governo di anticipare il 30% del Fondo d’indennità di fine rapporto, come sostegno concreto alla categoria per far fronte al durissimo impatto della pandemia da Covid.

Solo tra Venezia e Rovigo sono oltre 4.300 gli agenti in attesa. Il Presidente FNAARC Metropolitano Venezia, Stefano Montesco: “Gli agenti e i rappresentanti di commercio hanno risentito molto dell’emergenza sanitaria e non hanno beneficiato di ammortizzatori sociali. Già da tre mesi Enasarco ha dato l'autorizzazione a chiedere il 30% del Firr: auspichiamo che il governo provveda con estrema urgenza”.

Top