arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

SeacInfo

SeacInfo

23/8/2019 - Zf Lombardia: elenco delle microimprese ammesse alle agevolazioni

SeacInfo Fiscale
Zf Lombardia: elenco delle microimprese ammesse alle agevolazioni
È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale 20 agosto 2019, n. 194, il comunicato relativo al Decreto direttoriale del Ministero dello Sviluppo economico 29 luglio 2019, che approva l'elenco delle microimprese localizzate nella zona franca della Lombardia, istituita a seguito del sisma del 20 e 29 maggio 2012, ai sensi dell'articolo 1, comma 445, Legge n. 208/2015.Avendo presentato apposita istanza entro il 30 giugno 2019, sono ammesse alle agevolazioni incrementali le piccole e micro imprese operanti nei centri storici e/o abitati dei seguenti Comuni: San Giacomo delle Segnate, Quingentole, San Giovanni del Dosso, Quistello, San Benedetto Po, Moglia, Gonzaga, Poggio Rusco e Suzzara.In particolare, il beneficio consiste nelle esenzioni fiscali relative alle imposte dirette (IRPEF ed IRES), all'IRAP nonché all'IMU.

23/8/2019 - Agevolazione sui compensi agli istruttori della palestra solo se attività senza fine di lucro

SeacInfo Amministrazione del personale
Agevolazione sui compensi agli istruttori della palestra solo se attività senza fine di lucro
Una palestra beneficia delle agevolazioni fiscali sui compensi agli istruttori solo se nei suoi locali viene svolta un'attività senza fine di lucro, e ciò indipendentemente dall'affiliazione al Coni.È quanto ha statuito la Corte di Cassazione con la Sentenza n. 21535 del 20 agosto 2019, secondo la quale l'Associazione ricorrente non ha diritto al suddetto risparmio in quanto gli istruttori della palestra che gestisce svolgono un'attività meramente commerciale.

23/8/2019 - Licenziamento per violazione di norme antiriciclaggio anche in caso di assoluzione penale

SeacInfo Amministrazione del personale
Licenziamento per violazione di norme antiriciclaggio anche in caso di assoluzione penale
È legittimo il licenziamento del dipendente che abbia violato le norme antiriciclaggio, anche se vi sia stata assoluzione in sede penale con formula 'perché il fatto non sussiste'. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la Sentenza n. 21548 del 21 agosto 2019.Nel rigettare il ricorso del dipendente bancario, la Suprema Corte sottolinea che l'eventuale assoluzione in sede penale non compromette la legittimità del licenziamento, viste le modalità di svolgimento del rapporto di lavoro e le contestazioni disciplinari da parte del datore.

23/8/2019 - Termine decadenziale per i pagamenti diretti della CIGS in deroga

SeacInfo Amministrazione del personale
Termine decadenziale per i pagamenti diretti della CIGS in deroga
Con Circolare n. 120 del 22 agosto 2019, l'INPS ha fornito chiarimenti in relazione all'estensione del termine decadenziale previsto in via generale per le integrazioni salariali anticipate dal datore ai pagamenti diretti della CIGS in deroga effettuati dall'INPS.Il datore di lavoro è tenuto ad inoltrare all'Istituto tutti i modelli SR41, contenenti i dati necessari per il pagamento della prestazione salariale, entro il termine di 6 mesi decorrenti dalla fine del periodo di paga in corso alla scadenza del periodo concesso o dalla data del provvedimento di autorizzazione del trattamento da parte dell'INPS, qualora questo sia successivo.

23/8/2019 - Licenziabile il dipendente per simulazione di malattia, nonostante le previsioni contrattuali

SeacInfo Amministrazione del personale
Licenziabile il dipendente per simulazione di malattia, nonostante le previsioni contrattuali
La Cassazione ha statuito che è licenziabile per giusta causa il dipendente ingiustificatamente assente, anche qualora il contratto collettivo preveda una mera sanzione conservativa. Con la Sentenza n. 21616 del 22 agosto 2019, la Suprema Corte precisa che le previsioni contrattuali non vincolano il giudice e che nel caso di specie sia integrata una condotta fraudolenta di simulazione dello stato di malattia, lesiva del rapporto fiduciario con il datore.

Top