arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

SeacInfo

SeacInfo

18/6/2019 - Chiarimenti in tema di fatturazione elettronica: Circolare

SeacInfo Fiscale
Chiarimenti in tema di fatturazione elettronica: Circolare
Con Circolare 17 giugno 2019, n. 14, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in tema di documentazione di operazioni rilevanti ai fini IVA, alla luce dei recenti interventi in tema di fatturazione elettronica.Con tale documento l'Agenzia, rispondendo a numerosi dubbi e quesiti, ha fornito ulteriori chiarimenti sulle questioni relative agli ambiti di applicazione dell'e-fattura, alle sue modalità di emissione e registrazione, ai criteri di compilazione delle autofatture, alle sanzioni e alle altre novità normative sull'IVA che hanno implicazioni nel sistema della fatturazione elettronica.Tra i temi affrontati nella Circolare rientrano:esterometro: viene precisato che tale adempimento è riservato solo ai soggetti obbligati ad emettere fattura elettronica, risultando così esclusi minimi e forfetari;fattura extra SdI anche per spese 'miste': ribadendo che per l'anno 2019 gli operatori sanitari non devono emettere la fattura elettronica per prestazioni sanitarie rese nei confronti dei consumatori finali, a prescindere dall'invio dei relativi dati al Sistema TS, viene precisato che l'esonero vale anche per le fatture 'miste';data di emissione e data di effettuazione operazione: la data fattura (data indicata nel file .xml) corrisponde a quella di effettuazione dell'operazione, mentre la data di trasmissione (che deve avvenire entro 10 giorni dall'effettuazione dell'operazione) sarà certificata da SdI;imposta di bollo: ai fini del versamento trimestrale dell'imposta di bollo contano solo le fatture transitate attraverso lo SdI, correttamente elaborate e non quelle scartate, cioè quelle per le quali SdI ha consegnato o messo a disposizione il file della fattura nel trimestre di riferimento.

18/6/2019 - Modalità di compilazione quadro RR, Mod. REDDITI 2019: Circolare INPS

SeacInfo Fiscale
Modalità di compilazione quadro RR, Mod. REDDITI 2019: Circolare INPS
Con Circolare 17 giugno 2019, n. 90, l'INPS ha fornito gli annuali chiarimenti per la compilazione del quadro RR, Mod. REDDITI 2019 PF e per la riscossione dei contributi dovuti a saldo per il 2018 e in acconto per il 2019 per gli artigiani e i commercianti iscritti all'IVS e per i soggetti tenuti alla contribuzione alla Gestione Separata INPS.Si ricorda che tutte le somme a credito, utilizzate in compensazione entro la data di presentazione della dichiarazione del modello Redditi 2019 tramite modello F24 con anno di riferimento 2017, devono essere riportate esclusivamente nelle colonne 21 o 35 del Quadro RR del modello Redditi 2019. L'eventuale residuo del credito riferito all'anno precedente al netto di quanto compensato va indicato nel rigo RR, colonne 22 e 36, e dovrà essere oggetto di domanda di rimborso oppure di compensazione contributiva (autoconguaglio).

18/6/2019 - Fondo di solidarietà per il settore del trasporto aereo e prestazioni integrative: circolare INPS

SeacInfo Amministrazione del personale
Fondo di solidarietà per il settore del trasporto aereo e prestazioni integrative: circolare INPS
L'INPS, con la Circolare n. 89 del 17 giugno 2019, interviene per fornire chiarimenti riguardo la disciplina e le modalità di accesso alle prestazioni integrative delle indennità ASpI/NASpI garantite dal Fondo di solidarietà per il settore del trasporto aereo.

18/6/2019 - Le dimissioni entro l'anno del bambino garantiscono sempre l'indennità di preavviso

SeacInfo Amministrazione del personale
Le dimissioni entro l'anno del bambino garantiscono sempre l'indennità di preavviso
La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 16176 del 17 giugno 2019, ha ricordato che la lavoratrice madre che si dimette entro l'anno di vita del bambino, ovvero entro un anno dall'adozione o affidamento del figlio, ha sempre diritto all'indennità sostitutiva del preavviso.Tale principio non viene meno, chiariscono i giudici della Corte Suprema, nemmeno qualora la lavoratrice cerca un altro impiego, in virtù della valutazione della maggior o minor vantaggiosità del nuovo impiego: la norma prevede un trattamento di favore per la lavoratrice madre (o lavoratore padre) e il pagamento dell'indennità è basato su un principio solidaristico e finalizzato alla tutela della maternità.

Top