arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

SeacInfo

SeacInfo

22/6/2018 - Nuovo regolamento in materia di antiriciclaggio: delibera CONSOB in G.U.

SeacInfo Fiscale
Nuovo regolamento in materia di antiriciclaggio: delibera CONSOB in G.U.
È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 13 giugno 2018, n. 135, la Delibera della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) 31 maggio 2018, n. 20465, con la quale viene adottato il regolamento attuativo del D.Lgs. n. 231/2007 ai fini di prevenzione e contrasto dell'uso del sistema economico e finanziario a scopo di riciclaggio e finanziamento del terrorismo.Tale nuovo regolamento entrerà in vigore a decorrere dal 1° luglio 2018.

22/6/2018 - TIA 2: assoggettabile ad IVA in quanto ha natura di 'corrispettivo'

SeacInfo Fiscale
TIA 2: assoggettabile ad IVA in quanto ha natura di 'corrispettivo'
Con Ordinanza 21 giugno 2018, n. 16332, la Corte di Cassazione ha sancito il principio secondo cui la natura tributaria della Tariffa Integrata Ambientale (c.d. TIA 2) introdotta dall'art. 238, D.Lgs. n. 152/2006 corrisponde a quella di 'corrispettivo' e non di tributo. In particolare, la Corte ha sancito che la natura di corrispettivo della TIA 2, in base a quanto stabilito dalla norma, si ricava dai seguenti aspetti:il fatto generatore dell'obbligo di pagamento risiede nella produzione di rifiuti e quindi nella effettiva fruizione del servizio;l'entità del dovuto è commisurato alla qualità e quantità dei rifiuti prodotti.Di conseguenza, data la sua natura privatistica, a differenza dell'abrogata TIA 1, essa può essere assoggettata ad IVA.

22/6/2018 - Giudice del lavoro competente per fallimenti e licenziamenti illegittimi

SeacInfo Amministrazione del personale
Giudice del lavoro competente per fallimenti e licenziamenti illegittimi
Con la Sentenza n. 16443 del 21 giugno 2018, la Corte di Cassazione ha stabilito che rientra nella sfera di cognizione del giudice del lavoro sia l'impugnazione del licenziamento disciplinare, sia la domanda di condanna alla reintegra nel posto di lavoro anche se l'azienda è sottoposta alla procedura di amministrazione straordinaria.Si legge nella sentenza che nemmeno la domanda di condanna alla reintegra va intesa 'in funzione strumentale di tutela dei diritti patrimoniali da far valere sul patrimonio del fallito, fondandosi, al contrario, proprio sull'interesse del lavoratore alla garanzia della posizione all'interno dell'impresa in procedura concorsuale (…)'.

22/6/2018 - Sostegno al reddito per i lavoratori dipendenti di imprese sequestrate e confiscate

SeacInfo Amministrazione del personale
Sostegno al reddito per i lavoratori dipendenti di imprese sequestrate e confiscate
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 142 del 21 giugno 2018 il Decreto Legislativo n. 72 del 18 maggio 2018, recante misure di sostegno al reddito in costanza di rapporto di lavoro per i lavoratori dipendenti di aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata. In particolare, è previsto uno specifico trattamento di sostegno al reddito pari al trattamento straordinario di integrazione salariale, per la durata massima complessiva di 12 mesi nel triennio.Tale trattamento non spetta ai lavoratori indagati, imputati o condannati per il reato di associazione mafiosa, per i reati aggravati previsti dal codice penale o per i reati ad essi connessi.

22/6/2018 - Negazione dell'addebito da parte del dipendente non incide sulla gravità della condotta

SeacInfo Amministrazione del personale
Negazione dell'addebito da parte del dipendente non incide sulla gravità della condotta
La Corte di Cassazione, con l'Ordinanza n. 16434 del 21 giugno 2018, accogliendo il ricorso di una lavoratrice licenziata per non aver impedito a un cliente di portare via la spesa senza pagare, ha stabilito che la condotta tenuta non è più grave se il dipendente non ammette l'addebito e continua a negare la propria responsabilità.L'Ordinanza sottolinea che l'esercizio di un 'diritto o di una facoltà inerenti diritti primari in ultima analisi afferenti alla dignità stessa della persona, non possono tradursi in elementi sfavorevoli rispetto alla valutazione sulla gravità del comportamento sottoposto a giudizio'.

22/6/2018 - Ammesso l'utilizzo di body cam a fini di sicurezza

SeacInfo Amministrazione del personale
Ammesso l'utilizzo di body cam a fini di sicurezza
Con Provvedimento n. 362 del 22 maggio 2018 il Garante per la privacy ha consentito l'utilizzo di telecamere indossabili (c.d. body cam) da parte del personale di bordo del trasporto pubblico ferroviario per il contrasto e la prevenzione di aggressioni, furti e atti vandalici, fermo restando che in nessun caso è ammesso l'impiego di tali strumentazioni a fini di controllo a distanza dei lavoratori. Il Garante precisa che il ricorso all'utilizzo di tali telecamere comporta l'adozione di specifiche misure di sicurezza e riservatezza, nonché la stipula di un apposito accordo sindacale.

Top