arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

SeacInfo

SeacInfo

24/4/2018 - Incremento del diritto annuale per il 2018 e 2019 per nove Camere di Commercio: Decreto in G.U.

SeacInfo Fiscale
Incremento del diritto annuale per il 2018 e 2019 per nove Camere di Commercio: Decreto in G.U.
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 20 aprile 2018, n. 92, il Decreto 2 marzo 2018 del Ministero dello Sviluppo Economico riguardante il Diritto Annuale della Camera di Commercio.In particolare il Decreto autorizza, per gli anni 2018 e 2019, l'incremento della misura del diritto annuale fino ad un massimo del 20% per nove Camere di Commercio (Arezzo, Lucca, Maremma e Tirreno, Massa Carrara, Palermo Enna, Pisa, Pistoia, Prato e Siena).Viene inoltre precisato che le imprese che hanno già provveduto, per l'anno 2018, al versamento del diritto annuale possono effettuare il conguaglio rispetto all'importo versato entro il 30 novembre 2018.

24/4/2018 - Chiarimenti sulla tassazione applicabile alle operazioni di cambio di bitcoin in euro

SeacInfo Fiscale
Chiarimenti sulla tassazione applicabile alle operazioni di cambio di bitcoin in euro
In risposta all'Interpello n. 956-39/2018, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al trattamento fiscale applicabile alle operazioni relative alle valute virtuali.In particolare, con riferimento al caso di specie in cui un contribuente, lavoratore dipendente frontaliero in Svizzera, ha acquistato 3 kg di oro da investimento su un sito internet (intermediario estero) utilizzando la moneta virtuale 'bitcoin', l'Agenzia ha precisato che:qualora i bitcoin detenuti abbiano superato il valore di euro 51.645,69, per almeno sette giorni lavorativi nel periodo d'imposta 2017, l'acquisto dell'oro avrà comportato il realizzo di una plusvalenza, per effetto del prelievo dei bitcoin dal wallet (portafoglio elettronico). Di conseguenza, tale plusvalenza deve essere indicata nel Quadro RT del Mod. REDDITI PF e assoggettata ad imposta sostitutiva del 26%. La plusvalenza dev'essere determinata come differenza tra il controvalore in euro dell'oro acquistato e il costo dei bitcoin calcolato sulla base del criterio L.I.F.O;il contribuente è tenuto alla compilazione del Quadro RW del Mod. REDDITI PF, sia in relazione all'oro detenuto che ai bitcoin eventualmente detenuti al termine del periodo d'imposta;le valute virtuali non sono soggette all'imposta sul valore dei prodotti finanziari, dei conti correnti e dei libretti di risparmio detenuti all'estero dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato, in quanto tale imposta si applica ai depositi e conti correnti esclusivamente di natura bancaria.

24/4/2018 - L'INPGI non può pretendere i contributi come dipendente se il giornalista ha più collaborazioni

SeacInfo Amministrazione del personale
L'INPGI non può pretendere i contributi come dipendente se il giornalista ha più collaborazioni
La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 9961 del 23 aprile 2018, ha bocciato il ricorso dell'INPGI contro la sentenza di secondo grado, che aveva visto soccombere l'Istituto previdenziale dei giornalisti nella diatriba sorta con un editore, per la richiesta dell'Istituto di versare i contributi previdenziali come lavoratore dipendente per un giornalista che aveva in essere più collaborazioni con diverse testate.Nel caso in specie, i giudici della Corte Suprema hanno ritenuto infondato il ricorso dell'Istituto di previdenza, in quanto il giornalista non era tenuto ad essere permanentemente a disposizione dell'editore e non era responsabile di un servizio: pertanto, nonostante l'assidua frequentazione della redazione, il rapporto che intercorreva tra il giornalista e l'editore non era configurabile come lavoro dipendente.

24/4/2018 - Indennità del CCNL al dirigente dimissionario se cambia l'azionista di maggioranza della SpA

SeacInfo Amministrazione del personale
Indennità del CCNL al dirigente dimissionario se cambia l'azionista di maggioranza della SpA
Con la Sentenza n. 9955 del 23 aprile 2018 la Corte di Cassazione, respingendo il ricorso di una SpA, ha stabilito che l'azienda è tenuta a pagare l'indennità di mancato preavviso e le altre previste dal CCNL al dirigente che si dimette quando cambia l'azionista di maggioranza.Si legge nella sentenza che 'il cambiamento della titolarità dell'azienda non risolve il rapporto di lavoro col dirigente che continua ad aver diritto alle spettanze maturate e non liquidate anche nei confronti del nuovo titolare'.

24/4/2018 - Risarcimento a carico del datore per violazione dell'ordine provvisorio di riammissione in servizio

SeacInfo Amministrazione del personale
Risarcimento a carico del datore per violazione dell'ordine provvisorio di riammissione in servizio
Con la Sentenza n. 86 del 23 aprile 2018 la Corte Costituzionale ha stabilito che il datore di lavoro è tenuto a pagare i danni al dipendente, se viola l'ordine provvisorio del giudice di riammissione in servizio.L'indennità ex art. 18 dello Statuto dei Lavoratori ha natura risarcitoria e 'risulta collegata a una condotta contra ius del datore di lavoro e non a una prestazione di attività lavorativa da parte del dipendente'.L'ordine provvisorio di reintegro del dipendente richiede necessariamente una collaborazione da parte del datore di lavoro, perché ha ad oggetto un facere infungibile.

24/4/2018 - Istituita la causale per la riscossione dei contributi al Fondo 'ASSICURMED'

SeacInfo Amministrazione del personale
Istituita la causale per la riscossione dei contributi al Fondo 'ASSICURMED'
L'Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 32 del 23 aprile 2018, comunica, a seguito della Convenzione del 27 marzo 2018 sottoscritta tra INPS, SNA (Sindacato Nazionale degli Agenti di Assicurazione), FESICA CONFSAL, CONFSAL FISALS e 'ASSICURMED', l'istituzione della causale contributo 'ASS1' denominata 'Fondo Integrativo del Servizio Sanitario Nazionale – ASSICURMED', per la riscossione, tramite il modello F24, dei contributi per il finanziamento del suddetto Fondo.La causale va esposta nella sezione 'INPS', nel campo 'causale contributo', in corrispondenza, esclusivamente, della colonna 'importi a debito versati', indicando:nel campo 'codice sede', il codice della sede INPS competente;nel campo 'matricola INPS/codice INPS/filiale azienda', la matricola INPS dell'azienda;nel campo 'periodo di riferimento', nella colonna 'da mm/aaaa', il mese e l'anno di riscossione del contributo, nel formato 'MM/AAAA'. La colonna 'a mm/aaaa' non va valorizzata.

24/4/2018 - No al licenziamento orale anche nel piccolo studio professionale

SeacInfo Amministrazione del personale
No al licenziamento orale anche nel piccolo studio professionale
Secondo la Corte di Cassazione anche nel piccolo studio professionale risulta illegittimo il licenziamento a voce del dipendente, a nulla rilevando la sussistenza della giusta causa.Con la Sentenza n. 9958 del 23 aprile 2018 si precisa che il recesso datoriale in forma orale non è giustificato, in quanto comunque è necessario attuare tutte le garanzie a favore del lavoratore.

Top