arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube

Comunicazione

Confcommercio Unione Metropolitana guarda all’Alto Adriatico, nell’era della Blue Economy, per dare voce e slancio al Terziario del mare 5.0

C’è una distesa blu ricca di opportunità e di futuro per tutto il territorio che vi si affaccia: è il mare e la sua economia, le aziende, le professioni che ogni giorno trasformano questa opportunità in ricchezza e sviluppo. Non solo pesca, navigazione commerciale e civile, logistica, turismo e ricettività ma anche un complesso indotto di servizi e competenze che costituiscono l’altra metà del terziario di mercato, il terziario del mare appunto. Ed è questa rete estremamente fitta e in continua evoluzione che sempre più rappresenta un’economia che ha imparato velocemente a conciliare business, sviluppo con la tutela delle risorse ambientali, marittime, costiere e della laguna, com’è il caso di Venezia, e che nei prossimi anni conoscerà un’ulteriore evoluzione.

In una parola suggestiva è quella che oramai tutti conoscono Blue Economy, ma non sarebbe suggestiva se non ci fossero dei numeri molto concreti a sorreggerla e a proiettarla nel futuro, un futuro che Confcommercio Unione Metropolitana di Venezia vuole cavalcare, con un lavoro di squadra che coinvolgerà tutte le categorie dei settori legati alla Blue Economy che operano sul territorio e con il supporto di Confcommercio-Imprese per l’Italia.

Cosa significa oggi Blue Economy per l’Alto Adriatico, il mare “metropolitano” di Venezia? I dati parlano da soli: passeggeri transitati per V.T.P dal 1995: 31,7 milioni, di cui 23 milioni di crocieristi provenienti da 200 paesi diversi; crociere quadruplicate dal 1997 ad oggi, con oltre 1,5 milioni di crocieristi che hanno fatto scalo a Venezia nel 2018, ai quali vanno aggiunti poco meno di 1,7 milioni di passeggeri che vo hanno fatto scalo. Una movimentazione complessiva di merci, per parlare del solo Porto di Venezia che ha raggiunto (dati 2017), complessivamente un volume pari a circa 25,1 milioni di tonnellate. Ai quali vanno aggiunti altri 1,2 milioni di movimentazione nel Porto di Chioggia. Quanto agli effetti economici, solo il traffico crocieristico ha mobilitato risorse per 436,6 milioni di Euro, provocando un indotto annuo di 170 milioni di Euro, un impatto pari sul PIL locale del 3,26% e su quello metropolitano di poco inferiore al punto percentuale. Un settore che attiva oltre 4.300 addetti , incidendo per una quota del 4,1% e del 1,2% circa su quella metropolitana.

Ma poi c’è tutta l’economia della costa, Su 3.270 km di coste sabbiose e balneabili, 280 km circa appartengono a Veneto e Friuli Venezia Giulia, un litorale del Nordest che, nel 2017, ha attirato il 22,8% delle presenze complessive sui lidi nazionali il che significa che litorale del Nordest si sono registrate presenze per 30,7 milioni, dei quali 25,5 milioni nel solo Veneto.

Il recente convegno di Confcommercio Unione Metropolitana di Venezia, tenutosi in seno al Salone Nautico di Venezia, dal titolo La Blue Economy. Turismo, Città & Portualità, Competenze professionali: dalle risorse alla sostenibilità del Terziario del Mare ha rappresentato un importante momento di partenza per far partire un progetto che nei mesi prossimi vuole coinvolgere sempre più le imprese del terziario del mare e le istituzioni della costa veneta, non solo di Venezia e Chioggia, ma anche di tutti gli altri Comuni della costa Veneta, perché Blue Economy non valorizza solo le vocazioni turistico ricettive ma punta ad integrare e a costruire reti e modelli di business tra acqua e territorio per 365 giorni all’anno e ad interagire tra comunità, mondo dell’economia e del lavoro: in proposito Blue Economy significa anche un nuovo orizzonte per nuove competenze e professioni nelle quali i  nostri giovani possono crescere e far crescere il proprio territorio, Ecco perché nel progetto di Confcommercio un’attenzione particolare viene data anche alla formazione e all’offerta formativa, a cominciare dal coinvolgimento dagli ITS come la Fondazione ITS Turismo Academy  di Jesolo e la Fondazione ITS Marco Polo per la Logistica e i trasporti.

Top