arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube

Comunicazione

Discoteche più sicure grazie a SILB Confcommercio e RBM Assicurazione Salute

Sono oltre 55.000, secondo i dati Istat, gli eventi di morte cardiaca improvvisa registrati ogni anno in Italia. Gli arresti cardiaci non si presentano solo nel contesto di attività sportive agonistiche, ma anche durante lo svolgimento di attività ricreative amatoriali come quelle praticate nelle discoteche. Nonostante l’utilizzo tempestivo del defibrillatore contribuisca a salvare vite, ancora non esiste una legge che obblighi i pubblici esercizi ad essere cardio protetti.

Per tali motivi nasce SAFETY DANCING, una campagna di sensibilizzazione per l’adozione di defibrillatori, rivolta ai titolari/gestori dei locali da ballo della provincia di Venezia che anche quest’anno ha formato altri 12 operatori dei locali TNT di Lugugnana di Portogruaro, PALMARIVA di Fossalta di Portogruaro, CALIFORNIA di Musile di Piave e MALIBU' di Rosolina.
Safety Dancing è promossa da Confcommercio Unione Metropolitana di Venezia, dal suo Sindacato dei locali da ballo SILB in partnership con RBM Assicurazione Salute, la più grande Compagnia Assicurativa Italiana specializzata nel settore sanitario.

La collaborazione con RBM Assicurazione Salute, già partner di Confcommercio con Sani.Insieme, i piani sanitari studiati per integrare i livelli di assistenza del Sistema Sanitario Regionale Veneto e dedicati agli Imprenditori del Terziario del Veneto e al loro Nucleo Familiare, conferma l’impegno di Confcommercio e SILB nel valorizzare corretti stili di vita, intervenendo in un ambito, quello delle discoteche, in cui il prolungato sforzo fisico potrebbe portare ad aritmie maligne.

Purtroppo, la legislazione in materia di defibrillatori è ancora carente e circoscrive l’obbligo di munirsi di defibrillatore soltanto ad associazioni e società sportive dilettantistiche. La Regione Veneto nel proprio regolamento per l’utilizzo dei defibrillatori in ambito extra ospedaliero ha previsto che, sulla base dell’afflusso di pubblico (si pensi ad esempio, alle grandi strutture commerciali), possa essere opportuna la collocazione di defibrillatori presso i punti di maggiore aggregazione.

“Ancora una volta – interviene Massimo Zanon, Presidente Confcommercio Unione Città Metropolitana -  i gestori delle discoteche aderenti a Confcommercio e SILB, partecipando all’iniziativa si sono dimostrati sensibili verso un tema delicatissimo, quello della sicurezza nei locali da ballo, che il SILB promuove non solo con questo progetto, ma anche con la firma di un apposito protocollo d’intesa con la Prefettura e le Forze dell’Ordine.”

"La nostra Compagnia – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e Direttore Generale di RBM Assicurazione Salute - promuove da sempre un approccio attivo alla protezione della salute ed alla prevenzione dei rischi. Crediamo che la scelta di Confcommercio Unione Venezia di sensibilizzare i propri soci su queste tematiche abbia un grande impatto a livello sociale e qualifichi ulteriormente le strutture ricreative presenti nel territorio."

“Da diversi anni abbiamo avviato per gli associati percorsi di sensibilizzazione nella Responsabilità Sociale d’Impresa - afferma Giancarlo Vianello, Presidente ConfCommercio SILB Venezia – e questa iniziativa con le discoteche va esattamente nella direzione, perché i nostri locali da ballo siano promotori di un divertimento sano e di una cultura della responsabilità verso i loro clienti, specialmente i più giovani, e le loro famiglie.”

Top