arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube

Comunicazione

Distretti del commercio: 11 nella Città Metropolitana di Venezia

La Giunta Regionale del Veneto ha concluso l’iter per il riconoscimento dei nuovi Distretti del commercio, presentati da ben 111 Comuni in partnership con le associazioni di categoria maggiormente rappresentative a livello regionale, con le imprese del settore e con numerosi altri stakeholder del territorio di riferimento.

Dopo la fase considerata un po’ sperimentale dei bandi attivati negli anni scorsi, (2008-2017) che hanno potuto godere anche di finanziamenti specifici messi a disposizione dalla Regione Veneto per infrastrutture pubbliche materiali ed immateriali connesse al tessuto economico del terziario e ai soggetti facilitatori di aggregazione e progettazione, ed infine alle imprese, inizia ora una fase completamente nuova, prevista dalla L. R. n. 50 del 2012.

I Distretti riconosciuti, 58 nel Veneto, 11 nella Città Metropolitana di Venezia, ora dovranno  mettere a punto un vero “business plan” di distretto che, partendo dalle intenzioni espresse nei diversi accordi di partenariato, e dai progetti di massima elaborati in occasione dell’istanza per il riconoscimento, attivi un vero e proprio soggetto autonomoche faccia una  politica del commercio locale attraverso azioni concrete. La gestione, affidata ad una sorta di cabina di regia, nella quale Confcommercio partecipa come partner costituente e che vedrà capofila l’amministrazione comunale proponente, sarà coordinata da un manager di distretto.

Si apre ora però la fase più delicata: la caccia alle risorse economiche. Si attendono le indicazioni dalla regione Veneto in merito alla possibilità di cofinanziare direttamente il soggetto distretto con alcune risorse dedicate alla sua gestione complessiva, nonché la possibilità di accedere ai bandi, nell’ambito delle misure previste dai programmi POR e FESR, da parte delle singole imprese aderenti al distretto stesso, per l quali saranno riconosciute determinate premialità al fine di acquisire punteggio per la graduatoria.

La Regione Veneto ha inoltre comunicato che a partire dal 2019, entro il 30 aprile di ogni anno, i Comuni potranno presentare nuove proposte di individuazione dei distretti del commercio: l’auspicio è che tale termine, dato il notevole successo e la pressante richiesta di ulteriori amministrazioni, possa essere preceduta da una scadenza più ravvicinata.

 

Top