arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklinkedinlocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

Comunicazione

Comunicazione

Comunicati e Rassegna Stampa

Pubblici esercizi, nessun obbligo di misurare la temperatura nei locali del Veneto

Ha suscitato molto clamore la notizia, apparsa su diversi media nazionali e locali, che il nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, firmato lo scorso 14 luglio e valido fino al 31 luglio 2020, avrebbe introdotto l’obbligo generalizzato di misurare la temperatura dei clienti dei pubblici esercizi. «In realtà – rassicura Filippo Segato, Segretario regionale FIPE Veneto – le nuove linee guida non introducono alcuna novità riguardo a questo aspetto e, pertanto, la misurazione della temperatura di clienti e dipendenti rimane una facoltà (e non un obbligo) data al gestore del locale".

Tutti i presidenti provinciali di Confcommercio Veneto entrano a far parte del Consiglio nazionale di Confcommercio, che oggi a Roma ha confermato all’unanimità Carlo Sangalli presidente nazionale per i prossimi cinque anni

Tutti i presidenti provinciali di Confcommercio Veneto entrano a far parte del Consiglio nazionale di Confcommercio, che oggi a Roma ha confermato all’unanimità Carlo Sangalli presidente nazionale per i prossimi cinque anni

Il plauso del presidente del Veneto Patrizio Bertin: “Sangalli è una garanzia assoluta per la nostra Associazione. Formeremo una squadra forte per sostenere al massimo le imprese in questa fase così difficile di crisi economica post Covid-19. Il Veneto, come sempre e ora più di prima, c’è”.

Agriturismi equiparati a pubblici esercizi: la perplessità di Confcommercio

Confcommercio Unione Metropolitana di Venezia esprime contrarietà e preoccupazione per il disegno di legge, approvato in Giunta e ora all'esame del Consiglio, che riforma la disciplina degli agriturismi equiparandoli ai pubblici esercizi e alle attività ricettive. Il Presidente Massimo Zanon: “Il settore primario può accedere a fondi e agevolazioni che al nostro settore sono, invece, preclusi. La parità di trattamento, in termini normativi, fiscali e autorizzativi è condizione imprescindibile.” Leggi qui l'articolo pubblicato su Il Gazzettino del 10.07.2020.

Top