arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklinkedinlocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

Comunicazione

Comunicazione

In primo piano

Sondaggio EDI Confcommercio: l’impatto del Covid-19 sui processi di trasformazione digitale delle imprese del terziario

Sondaggio EDI Confcommercio: l’impatto del Covid-19 sui processi di trasformazione digitale delle imprese del terziario

EDI Confcommercio lancia un’indagine rivolta a tutte le imprese associate con l’intento di analizzare gli impatti del Covid-19 sui nuovi fabbisogni digitali delle aziende. I dati raccolti saranno elaborati in forma aggregata e anonima e saranno presentati nel corso dell’evento online “Il Ruolo del Digitale nel post Covid” in programma il prossimo 28 luglio ore 14.30. Partecipa al sondaggio.

Confcommercio Federazione Moda Italia: bene il parziale rimborso (30%) della merce invenduta, ma distante dal coprire oltre un miliardo di euro di mancati incassi

Confcommercio Federazione Moda Italia: bene il parziale rimborso (30%) della merce invenduta, ma distante dal coprire oltre un miliardo di euro di mancati incassi

Ad un mese dalla riapertura, le imprese del settore continuano a soffrire con cali pesanti delle vendite: dal 50% e, nelle località turistiche, fino all’80% del fatturato rispetto allo stesso periodo del 2019. Il Presidente Giannino Gabriel: “Come Confcommercio Federazione Moda Italia abbiamo chiesto il 60% di credito imposta sulle rimanenze di magazzino autunno 2019 primavera 2020”.

 A un mese dalle riaperture, il settore dell'abbigliamento e delle calzature è in ginocchio, con fatturati in calo dal 50 fino all'80%

A un mese dalle riaperture, il settore dell'abbigliamento e delle calzature è in ginocchio, con fatturati in calo dal 50 fino all'80%

“In particolare nel litorale veneziano, a forte vocazione turistica – spiega allarmato il Presidente metropolitano e regionale Giannino Gabriel- la mancanza di flussi dall’estero sulle nostre spiagge si sta facendo sentire molto, comportando danni gravi all’indotto costituito dai negozi legati al fashion, con un calo dell'occupazione".

Top